Main Content

FAQ: Funzionamento degli impianti di condizionamento nel periodo di COVID-19

Sullo scenario dell'attuale pandemia del Coronavirus, si pone la questione di come affrontare i sistemi di ventilazione e di condizionamento dell'aria e se il loro funzionamento contribuisca alla diffusione del virus. Questa FAQ contiene le risposte alle domande più frequenti su questo argomento. Le FAQ sono dell'Associazione Ticinese Frigoristi (ATF), di cui Krüger + Co SA è membro.

Come si trasmette il Coronavirus?

Secondo le conoscenze attuali, il Coronavirus si trasmette tramite il contagio di goccioline infette e tramite aerosol. Per questo motivo, si raccomanda una buona ventilazione dei locali con la più alta percentuale di aria fresca possibile. Rimuovendo l'aria contaminata dai locali e immettendo aria fresca si riduce la carica virale dell’aria nei locali.

Il Coronavirus si moltiplica nel sistema di condizionamento dell'aria?

La diffusione del Coronavirus nei sistemi di condizionamento dell'aria può essere esclusa, poiché i virus hanno bisogno di cellule ospiti per moltiplicarsi, ad esempio le cellule umane.

Gli impianti di climatizzazione con una percentuale di aria di ricircolo o di aria pura di ricircolo possono continuare a funzionare senza esitazioni?

Sì, a condizione che il locale sia alimentato con sufficiente aria esterna mediante ventilazione meccanica o regolare areazione delle finestre. Se possibile, la percentuale di aria di ricircolo negli apparecchi di ventilazione dovrebbe essere sostituita da aria fresca o ridotta il più possibile. Ciò vale anche per il funzionamento del riscaldamento invernale.

Informazioni utili:

  • Le condotte che possono aspirare l'aria di scarico dai locali contaminati da goccioline non la devono immettere in altri locali.
  • I dispositivi di aria secondaria (ventilconvettori, split interni, ecc.) sono efficaci solo nel rispettivo locale (circolazione d'aria) e non devono trasmettere l'aria / virus ad altri locali.
  • I moderni sistemi di condizionamento e ventilazione dotati di potenti filtri o di sistemi di purificazione dell'aria possono ridurre gli inquinanti atmosferici, compresi i germi e i virus dannosi, e migliorare notevolmente la qualità dell'aria dei locali.

Perché la ventilazione dei locali interni è così importante?

La ventilazione intensa riduce notevolmente la quantità di aerosol potenzialmente infettiva. Le particelle che vengono continuamente prodotte, dalla respirazione delle persone in ambienti chiusi, vengono rimosse o diluite in modo più velocemente con una maggiore quantità di ricambio d'aria. Per proteggersi dalle infezioni i locali interni devono essere forniti con la maggior quantità possibile di aria fresca. Ciò vale sia per la ventilazione libera attraverso finestre e porte che per l'utilizzo di sistemi di ventilazione e condizionamento.

Come si può verificare se uno locale interno è sufficientemente rifornito di aria esterna?

Nelle stanze con un alto numero di persone, i cosiddetti semafori CO2 possono servire come guida approssimativa per la qualità dell'aria nei locali. L'anidride carbonica (CO2) è considerata un buon indicatore del ricambio d'aria. Una concentrazione di CO2, al massimo di 1000 ppm (0,1 vol%), indica uno ricambio d'aria igienicamente adeguato in condizioni normali. I semafori a CO2 possono quindi fornire un'indicazione rapida e semplice di quando ventilare. Informazioni sui semafori CO2 sono disponibili sul sito web dell'Associazione svizzera per l'igiene dell'aria e dell'acqua.

I sistemi di condizionamento e ventilazione esistenti possono essere dotati di filtri?

Germi e virus possono essere ridotti attraverso sistemi di condizionamento e ventilazione. Ciò richiede l'installazione di un filtro appropriato o di una tecnologia di pulizia dell'aria come filtri HEPA, luci UVC o dispositivi di ionizzazione. Se un impianto esistente può essere dotato di filtri o di altri sistemi di purificazione dell'aria deve essere valutato individualmente da uno specialista della refrigerazione, della climatizzazione o del ventilazione.

Cosa deve osservare il personale di servizio durante i lavori di manutenzione?

I virus sono sempre legati ad aerosol o particelle di polvere. Pertanto, come tutte le altre particelle, sono almeno parzialmente depositate nel materiale del filtro. La manutenzione dell'impianto e la sostituzione dei filtri installati devono essere effettuate da personale addestrato e i dispositivi di protezione individuale (camice protettivo, protezione per la bocca e il naso FFP3 e occhiali di sicurezza) devono essere utilizzati in modo coerente.

I sistemi di aria condizionata e ventilazione devono essere sottoposti a manutenzione e puliti più spesso a causa del COVID-19?

No, di solito non è necessaria una manutenzione supplementare. Tuttavia, le consuete raccomandazioni di manutenzione, assistenza e igiene dei produttori e degli installatori devono essere osservate e applicate in modo coerente. Indipendentemente dal COVID-19, i sistemi di condizionamento e ventilazione in cattivo stato di manutenzione hanno un effetto negativo sulla qualità dell'aria nei locali.

Manutenzione degli sistemi di climatizzazione

Krüger + Co. SA offre un adeguato contratto di manutenzione per ogni impianto di climatizzazione. Contattate il vostro specialista Krüger.

Come possiamo aiutarla?

formTitle

Richiesta scritta
Consulenza telefonica
Richiesta d’offerta
Acquistare questo dispositivo
Prestazione di servizio