Main Content

Pompa di calore ecosostenibile in sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento a olio

Per promuovere l’uso delle fonti energetiche rinnovabili, la maggior parte dei Cantoni svizzeri concede incentivi se al posto del vecchio riscaldamento a olio viene installata una pompa di calore ecosostenibile certificata. Ha approfittato dell’offerta Jürg Gubser, di Schwellbrunn (AR). A riscaldare casa sua ci pensa ora una pompa di calore Toshiba della ditta Krüger. La scelta è caduta sulla Krüger perché, oltre al prodotto, è risultata convincente anche l’offerta di servizi.

«Quando nello scorso autunno il nostro impianto di riscaldamento a olio ha smesso di funzionare, per me era chiaro che sarei passato a un sistema di riscaldamento più ecologico», ci racconta Jürg Gubser. Jürg Gubser possiede una casa a Schwellbrunn e da tempo si interessa alle energie alternative. Ha perciò richieste varie offerte. Fra queste vi era anche quella di Krüger + Co. SA, con la sua pompa di calore Estia di Toshiba certificata PdC-MS (pompa di calore con modulo di sistema), una certificazione che permette di ottenere incentivi nella maggior parte dei Cantoni svizzeri. «Ho scelto la Krüger perché mi ha convinto l’intero pacchetto di prestazioni», spiega Gubser.

 

Consulenza ineccepibile e ottimo prodotto

Ha gestito il progetto Christian Fritsche, consulente tecnico di vendita di Krüger a Degersheim. «La consulenza è stata competente e collaborare un piacere. Christian Fritsche ha interpretato al meglio i miei desideri e le mie esigenze, senza cercare di vendermi di tutto e di più. Inoltre, la pompa di calore Estia è davvero un buon prodotto», dice Jürg Gubser. Un altro fattore decisivo è stato il riscontro positivo di un conoscente soddisfatto di Schwellbrunn, che aveva a sua volta già installato una pompa di calore Krüger. Usando questo oggetto come riferimento, è stato ad esempio possibile acquisire la certezza che la pompa di calore avrebbe funzionato in modo efficiente anche a temperature esterne più rigide, come quelle che si riscontrano ai 1000 metri di quota di Schwellbrunn.

Pianificazione e realizzazione in tempi rapidi

Siccome l’impianto di riscaldamento esistente non funzionava più e le temperature esterne iniziavano gradualmente ad abbassarsi, la sostituzione doveva avvenire rapidamente. «Per noi si è trattato di una sfida. Nel giro di circa due mesi siamo però riusciti a portare a termine tutto quanto, dalla progettazione all'ottenimento del permesso di costruzione e all'installazione della pompa di calore, compreso il serbatoio tampone», ci fa sapere Christian Fritsche, che per questo progetto ha assunto anche il ruolo di direttore lavori.

La pompa di calore aria-acqua Estia è un sistema split costituito da un'unità idronica interna per l’acqua calda e fredda sanitaria e un'unità esterna. Poiché la pompa di calore Estia opera con una quantità relativamente piccola di refrigerante, vengono a cadere i periodici controlli obbligatori di tenuta, con un impatto positivo sui costi di manutenzione. I sistemi split, inoltre, possono essere impiegati in modo più flessibile rispetto ai sistemi monoblocco. «Sono molto soddisfatto del lavoro svolto dalla Krüger. La collaborazione è stata molto gradevole. Inoltre, come azienda presente sul territorio a livello regionale, in caso di necessità la ditta Krüger è rapidamente sul posto», ci fa sapere Jürg Gubser.

Previsto il collegamento all’impianto fotovoltaico

L’estate prossima, Jürg Gubser ha intenzione di dotare casa sua di un impianto fotovoltaico. Tramite il controllo Smart-Grid-Ready, la pompa di calore Estia può essere allacciata all'impianto ad energia solare ottimizzando così il consumo dell'elettricità autoprodotta. Jürg Gubser sta facendo da pioniere: per la Krüger il suo sarebbe un progetto pilota estremamente interessante.

Come possiamo aiutarla?

formTitle

Richiesta scritta
Consulenza telefonica
Richiesta d’offerta
Acquistare questo dispositivo
Prestazione di servizio